Thunderstrike il malware che infetta Bios e firmware

Thunderstrike il malware che infetta Bios e firmware

Il programmatore e hacker Trammell Hudson, in occasione dell’annuale Chaos Communication Congress tenutosi in Germania, a cui partecipano hacker e attivisti digitali provenienti da tutto il mondo, ha rivevato e presentato (anche se soltanto in una forma abbozzata) la sua creazione: Thunderstrike.

Thunderstrike è il nuovo virus che può colpire i sistemi Mac, ma a differenza del solito, anzicche’ attaccare il sistema operativo di un computer, colpisce il software che sta alla base, il firmware o BIOS, sovrascrivendone la memoria.

Continua...

Scoprire file in esecuzione ed impostazioni rischiose

Scoprire file in esecuzione ed impostazioni rischiose

Tra i software Eset, azienda produttrice del più volte premiato antivirus NOD32, ESET SysInspector è sicuramente segno di massima affidabilità e sicurezza. E’ un utile tool che permette di visualizzare tutti i file e i processi in esecuzione sul nostro computer segnalando quelli pericolosi per il sistema o poco attendibili.

Il programma (non necessita di essere installato) si occupa di controllare i processi in esecuzione, il contenuto del registro di sistema, gli elementi di avvio e le connessioni di rete, risolvendo errori quando possibile. Vengono inoltre identificati file sospetti e non firmati, problemi software, hardware non compatibili, driver obsoleti o malfunzionanti, voci di registro danneggiate e connessioni di rete sospette.

Continua...

Installare antivirus su WordPress

Installare antivirus su WordPress

Anche una piattaforma costantemente aggiornata come WordPress può essere a rischio virus. Plugins e temi spesso ne sono spesso veicolo senza che l’amministratore possa porci un rimedio.

AntiVirus per WordPress è davvero una soluzione molto efficace in questo campo per proteggere il blog da spam e anche da hacker malintenzionati. In pratica trattasi di un plugin da installare nel modo classico che non ha bisogno di alcuna configurazione manuale, ma già pronto a fare tutto il suo dovere una volta installato. Il plugin parte con una scansione del blog con l’intento di trovare link “maligni” o direttamente virus presenti. Se fossero rinvenuti link sospetti, il plugin vi informa direttamente nella barra di stato e la cancellazione del file infetto è immediata.

Potrete decidere per una scansione giornaliera o periodica del vostro blog. Gli aggiornamenti delle definizioni sono costanti. Davvero consigliato.

Continua...

Scannerizzare online un file, un hash compromesso o un indirizzo IP alla ricerca di malware

Scannerizzare online un file, un hash compromesso o un indirizzo IP alla ricerca di malware

E’ fondamentale controllare allegati o documenti scaricati da siti poco affidabili prima di aprirli perchè sono sempre presenti, dietro l’angolo, virus, malware e sorprese poco gradite.

Metascan-Online è la risposta. Un servizio davvero completo per ricercare malware all’interno di file, hash o indirizzi IP. Permette di scoprire se un nostro file contiene virus o infezioni analizzandoli con oltre 40 programmi antivirus in contemporanea. Non appena caricato il documento verrà mostrata la progressione degli antivirus con cui il nostro file verrà analizzato. Supporta upload di file fino a 140MB ed è davvero rapido e preciso.

Integra inoltre la possibile di controllare bash compromessi e indirizzi IP di siti web poco attendibili. Non è l’unico servizio ad effettuare una simile operazione, ma, utilizzandolo, mi è sembrato davvero molto affidabile, completo e degno di segnalazione.

Continua...

Cos’è CryptoLocker e come provare a rimuoverlo

Cos’è CryptoLocker e come provare a rimuoverlo

Con il passare del tempo il virus originale ha subito parecchie trasformazioni. La miglior difesa per questo tipo di virus è la prevenzione: un eccellente antivirus, un backup regolare offsite e un po’ di attenzione nell’apertura di contenuti e email non sicure. Attenzione inoltre ad email con allegati .CAB

CryptoLocker (CTB-Locker) è un virus per Windows che si sta diffondendo sempre più rapidamente a partire da settembre 2013. Il virus blocca tutti i file con algoritmi di cifratura RSA e AES e li rende illeggibili, a meno che non si paghi un “riscatto”. Una volta infettato il computer, il virus mostra una finestra in cui insieme all’elenco dei file criptati spiega come effettuare il pagamento per rendere di nuovo leggibili i documenti. L’importo può variare ma solitamente supera il centinaio euro, ovviamente in BitCoin.

Continua...
Pagina 4 di 4

1234